Musica

Cultura

PIÙ CHE MUSICA, UNO STILE DI VITA

La Bossa Nova è stato uno dei movimenti musicali più popolari e caratteristici del ventesimo secolo. Negli anni ’60, migliaia di artisti, principalmente compositori e poeti, hanno registrato ed eseguito canzoni stupende.

La Bossa Nova rimane uno dei suoni più distintivi e definitivi della cultura popolare brasiliana del ventesimo secolo fino ad oggi. È stato un movimento musicale avviato principalmente da compositori (e poeti), ma è evoluto per diventare molto di più, aprendo la strada a numerosi musicisti negli ultimi 60 anni. In effetti, alcuni sostengono che non sia nemmeno un genere, ma piuttosto uno stile di spettacolo.

Sebbene relativamente semplice nella sua formazione, è uno stile musicale meravigliosamente sofisticato e creativo; la profondità e il significato dei suoi testi motivano da soli gli stranieri a imparare il portoghese.

Gli anni d’oro della Bossa Nova sono stati dal 1958 al 1964. Gli anni ’50 sono stati un periodo di rapida industrializzazione in Brasile, portando un’ondata di modernità nell’architettura, nel design, nel cinema e nella musica. È stato un periodo di trasformazione e cambiamento sociale in Brasile, un momento di espansione che ha visto la progettazione di una nuova capitale, Brasilia, nel cuore del paese.

Il legittimo crogiolo della Bossa Nova era Rio de Janeiro, nei quartieri di Copacabana, Ipanema e Leblon. Studenti universitari, poeti e musicisti di varie origini si incontravano e facevano sessioni di improvvisazione nei loro appartamenti.

Naturalmente, per non disturbare i vicini, il loro stile e la loro composizione hanno lasciato spazio a una musica “più morbida” rispetto a quella popolare fino ad allora, unendo una miriade di influenze. Nel tempo, si resero conto che stavano iniziando a definire un nuovo suono di armonie e melodie intrecciate, il tutto immerso in uno stile vocale morbido e ritmi percussivi delicati.

L’avvento della Bossa Nova ha riunito un gruppo improbabile di interpreti: Antônio Carlos Jobim, Vinicius de Moraes, Candinho, João Gilberto, Carlos Lyra, Roberto Menescal, Nara Leão, Ronaldo Bôscoli, Baden Powell, Luizinho Eça, i fratelli Castro Neves, Newton Mendonça, Chico Feitosa, Lula Freire, Durval Ferreira, Sylvia Telles, Normando Santos e Luís Carlos Vinhas. Questi musicisti, compositori e artisti, stanchi sia degli stili vocali operistici esasperatamente trasmessi in radio sia della scena di samba piuttosto monotona, cercavano qualcosa di nuovo. Questo suono rappresentava davvero il popolo di Rio e definiva lo spirito rivitalizzato della nazione.

Le superstar internazionali come Frank Sinatra e Chet Baker influenzavano già artisti come João Donato e Billy Blanco. La Bossa Nova, tuttavia, aveva anche qualcosa da dire attraverso i suoi testi. Rio aveva ora una piattaforma per raccontare la sua storia sulle vite dei protagonisti della musica, uno stile di vita urbano e spensierato (sole, mare e ragazze).

C’erano tre elementi chiave per la Bossa Nova come la conosciamo oggi:

– Le voci e il tocco di chitarra di João Gilberto
– La composizione di Antônio Carlos Jobim
– I testi di Vinicius de Moraes

João Gilberto, originario della Bahia e arrivato nel 1950, trascorse diversi anni cercando lavoro mentre sviluppava diligentemente il suo stile unico di suonare la chitarra. La leggenda dice che passò otto mesi perfezionando il suo mestiere nel bagno di sua sorella. Il suo impatto fu immediato.

Antonio Carlos Jobim portò sulla scena una miriade di influenze musicali dall’Europa (Debussy, Ravel), dall’America (Nelson Riddle) e, naturalmente, dal Brasile (Pixinguinha, Custódio Mesquita e Radamés Gnatalli). Durante il giorno lavorava in una casa discografica mentre si esibiva di sera in locali per tutto il sud di Rio.

Vinicius de Moraes era già un rispettato poeta, drammaturgo, giornalista e funzionario pubblico con i servizi consolari brasiliani. Conobbe Jobim nel 1956 e presto fiorì una fruttuosa partnership di composizione musicale.

Importante anche André Midani, capo di un’etichetta discografica internazionale, che fu fondamentale per la firma di questi artisti pionieri. Altre etichette indipendenti – RGE, Elenco e Forma – aiutarono anche a stabilire un’identità visiva per il genere pubblicando album di Bossa Nova; le copertine degli album divennero quasi tanto important

i quanto la musica.

Anche se l’album Canção do Amor Demais di Elizete Cardoso, pubblicato nel 1958, presentava canzoni di Jobim e Gilberto, è stato l’album Chega de Saudade di João Gilberto, pubblicato nel 1959 e che conteneva canzoni di Jobim e Vinicius, che generalmente è considerato il primo autentico album di Bossa Nova. La musica brasiliana non sarebbe più stata la stessa e la sua novità istantanea significava che qualsiasi cosa vagamente moderna o alternativa veniva etichettata come “Bossa Nova”. Potevi avere frigoriferi, occhiali, scarpe Bossa Nova, praticamente qualsiasi cosa.

Tre fattori essenziali hanno contribuito a lanciare il movimento a livello internazionale.

– Il primo fu la produzione cinematografica francese Orfeu Negro. Girato a Rio nel 1959, la colonna sonora fu scritta da Jobim, Vinicius e il chitarrista Luiz Bonfá. È stato coronato con la Palme d’Or al Festival di Cannes, seguito da un Oscar e un BAFTA nella categoria Miglior Film Straniero. La Bossa Nova era una vincitrice.

– Il secondo ha contribuito a esportare il genere sulle coste americane. Come parte dell’iniziativa “buon vicinato” del governo degli Stati Uniti, artisti come Dizzy Gillespie, Charlie Byrd, Herbie Mann e Coleman Hawkins erano in tournée in Brasile. Presto hanno iniziato a diffondere la voce su questo nuovo suono negli Stati Uniti. Il primo album di Bossa Nova pubblicato negli Stati Uniti è stato nel 1962, Jazz Samba (Bossa Nova non aveva ancora preso piede), degli artisti jazz Stan Getz e Charlie Byrd. L’album presentava sia composizioni originali che interpretazioni strumentali dello stile. Fu un grande successo, guadagnando a Getz un Grammy. La versione di due minuti di Desafinado è rimasta nelle prime 40 posizioni della Billboard degli Stati Uniti per dieci settimane.

– Il terzo elemento decisivo è stato un unico concerto al Carnegie Hall nel novembre del 1962, che ha unito una lista di stelle che includeva Jobim, Gilberto, Carlos Lyra, Sergio Mendes e Roberto Menescal, tra gli altri. Il concerto è stato un trampolino di lancio per diverse stelle negli Stati Uniti.

La famosa ballata “Garota de Ipanema” è stata pubblicata nel 1964 nell’album Getz / Gilberto. È rimasta in classifica nella Billboard pop per quasi due anni, ha vinto quattro premi Grammy e ha contribuito a promuovere la Bossa Nova a livello globale. Nello stesso mese del suo lancio, tuttavia, il Brasile è stato oggetto di un colpo di stato militare che avrebbe segnato la fine di un’era per la Bossa Nova e tutto ciò che essa rappresentava.

Anche se il movimento stesso è stato relativamente breve, la musica continua a vivere.

Con le sue connotazioni mitiche e religiose, la musica definisce ed energizza un intero paese.

Il samba è un fiume che scorre attraverso la musica brasiliana, portando i freschi suoni africani che hanno migrato in Brasile durante il movimento degli schiavi. Si è mescolato con molte altre influenze nel suo viaggio, ma oggi rimane un’espressione autentica dell’identità afro-brasiliana.

Dal Samba-canção (un lento e melodico filo di Samba del Rio de Janeiro degli anni ’20) al samba di carnevale (una vivace fusione di Bossa Nova, elettronica, hip hop e funk carioca che caratterizza le moderne celebrazioni del Carnevale in Brasile), il Samba è ricco sia nella sua armonia che nei suoi testi.

È sorprendentemente diverso anche quando si tratta di variazioni regionali e culturali. La composizione ritmica del Samba riflette molte culture lungo 500 anni, echeggiando la cooperazione storica tra indiani, europei e africani, ma è sempre stata un’espressione locale. In tutto il Brasile, ogni regione rivendica la sua forma di Samba. Il Samba può essere semplice come una melodia acustica di una sola persona o complesso come una sfilata di scuola di samba con tutta la batteria (una banda di percussioni completa, con enfasi sui tamburi). È tutto Samba garantito, e dal campo rurale alle capitali urbane, la musica è una celebrazione della vita e della comunità.

La più eclatante esposizione pubblica del Samba è la sfilata di Carnevale di due giorni a Rio de Janeiro, che di solito mette 14 scuole di samba una contro l’altra nella ricerca del titolo di campione del carnevale. Altre città, come San Paolo, organizzano eventi simili durante lo stesso periodo, ma la portata dell’evento di Rio de Janeiro è incomparabile.

Quasi 11 mesi di duro lavoro sono dedicati alla produzione. Ogni scuola di samba presenta un samba-enredo di 80 minuti (una sfilata a tema guidata dal samba), che di solito omaggia qualche aspetto significativo della storia o della cultura brasiliana. Cantata da tutta la scuola e accompagnata da numerosi tamburi (la batteria), l’obiettivo è affascinare gli spettatori che fiancheggiano il Sambódromo (stadio costruito appositamente per tali sfilate) e convincere una giuria professionale, che giudica in base a vari criteri (musica, danza, costumi, carri allegorici) che la loro scuola è la degna vincitrice.

Le radici più profonde del Samba sono a Salvador, la capitale coloniale del Brasile e primo insediamento urbano. A metà del XIX secolo, la provincia di Rio de Janeiro aveva già una popolazione di oltre 300.000 schiavi. Tuttavia, con l’abolizione della schiavitù nel 1888, migliaia di schiavi appena liberati migrarono dal nord della Bahia a Rio de Janeiro in cerca di lavoro, popolando successivamente i quartieri sulle colline della città. Le favelas costruite su quelle colline diventarono note come favelas quando i soldati che combatterono nella Guerra di Canudos in Bahia (1897) si stabilirono nella regione. (Favela è il nome di una pianta spinosa che cresce nell’entroterra arido della Bahia).

In questi nuovi luoghi, incontri informali si tenevano quotidianamente, spesso organizzati dalle Tias Baianas. La più famosa padrona di casa era Tia Ciata, che organizzava incontri di Candomblé (una forma di religione africana praticata in Brasile), seguiti da un concerto di musica samba. Era un invito aperto per le persone a festeggiare e socializzare.

In tali incontri, la mescolanza di influenze musicali come la marcia, il lundu, la polka, l’habanera, il maxixe e il tango iniziò a somigliare a ciò che riconosciamo oggi come ritmo di samba.

I talenti musicali più prominenti dell’epoca si riunivano, sperando di avere la possibilità di suonare. Accompagnati da strumenti a percussione, i tamburi dell’Africa occidentale si mescolavano con le chitarre portoghesi e i cavaquinhos; i musicisti improvvisavano i testi e creavano versi facili da ripetere per un coro di partecipanti che cantavano.

La prima scuola di samba, Deixa Falar, fu fondata nel 1928 e adottò il motto spiritoso “Anche noi insegniamo, ma qui impariamo il samba”, riferendosi a un vecchio club degli insegnanti situato accanto. Il movimento del samba crebbe e presto altre due scuole aprirono i battenti: Mangueira e Portela.

Durante gli anni ’30, la popolazione bianca del Brasile iniziò a identificarsi con il suono che scendeva dalle colline. Questo diede inizio a quella che è generalmente considerata l’età dell’oro del Samba. Il passaggio dalla registrazione meccanica a quella elettrica contribuì a definire questa era, offrendo agli artisti maggiori possibilità di estensione, tono e mezzi di espressione.

L’avvento e la rapida diffusione della radio hanno dato al Samba ancora più opportunità di crescere. Nel 1939, un nuovo genere musicale nacque, il samba-exaltação. Questa nuova ondata fu inaugurata con una canzone che presto divenne la canzone brasiliana più ascoltata e interpretata all’estero, Aquarela do Brasil, di Ary Barroso (superata solo dall’arrivo di Garota de Ipanema negli anni ’60, 25 anni dopo).

Il Samba de Gafieira otten

ne notorietà negli anni ’40 e ’50, molto influenzato dalle orchestre radiofoniche degli Stati Uniti. Negli anni ’60, artisti della Bossa-Nova e della MPB (Musica Popular Brasileira) abbracciarono la Velha Guarda, riscoprendo compositori e cantanti veterani come Cartola e Nelson Cavaquinho. Una nuova generazione li seguì presto: Paulinho da Viola, Elton Medeiros e, poco dopo, Martinho da Vila, con Clementina de Jesus, che debuttò nel 1964 a 63 anni.

Negli anni ’70, emersero nuovi compositori: João Nogueira, Paulo César Pinheiro, Candeia, Nelson Sargento e Monarco. Scrivevano canzoni per i prossimi cantanti di samba, inclusi Beth Carvalho, Alcione, Roberto Ribeiro e Clara Nunes.

Gli anni ’80 e ’90 hanno visto la nascita di un ramo popolare del samba, il Pagode. Gruppi come Fundo de Quintal e Raça Negra hanno venduto centinaia di migliaia di album e hanno ispirato un movimento rinascimentale verso un samba più tradizionale, radicato nelle sue origini.

La musica è uno degli aspetti più importanti della cultura brasiliana. La sua identità unica deriva dalla speciale fusione di elementi europei e africani portati dai colonizzatori portoghesi e dai loro schiavi, oltre a un considerevole patrimonio delle tribù indigene e del loro folclore regionalmente variato.

Fino a un certo punto del XIX secolo, il Portogallo aveva un forte controllo su ciò che entrava e usciva dal Brasile, e di conseguenza era responsabile dell’introduzione di molti elementi musicali, sia sofisticati che popolari, nella società. Questa influenza si estese dagli strumenti specifici introdotti, ai tipi di armonie impiegate e allo sviluppo della letteratura musicale, nei primi secoli dell’ascesa della colonia. Naturalmente, la maggior parte di questi elementi non era esclusivamente di origine portoghese, derivando invece da tutta l’Europa, ma i lusitani furono coloro che li introdussero in Brasile.

La cultura africana ebbe un’enorme influenza sulla diversità dei ritmi, delle danze e degli strumenti brasiliani che vediamo oggi, specialmente per quanto riguarda la musica folclorica e popolare brasiliana, con questa influenza che raggiunse il suo apice a partire dal XX secolo.

Lo scambio culturale con paesi oltre al Portogallo cominciò a crescere verso la metà del XVIII secolo, stimolando l’interesse per opere italiane e francesi, e varie danze, come la Zarzuela spagnola, Bolero e Habanera; Polche e Valzer tedeschi, così come innumerevoli ritmi africani.

Dalla fine del XVIII secolo, la musica popolare brasiliana cominciò a guadagnare i suoi toni distintivi, emergendo davvero a partire dagli anni 1900, grazie alla diffusione generalizzata del Lundu, del Choro e del Samba.

La scena musicale brasiliana cominciò veramente a fiorire durante il XX secolo, grazie alla crescente globalizzazione e a un cambiamento di atteggiamento nei confronti di una società più aperta verso le arti. Fu anche durante questo periodo che la musica brasiliana divenne veramente una propria entità e fu in grado di distinguersi completamente, rimanendo fedele alle sue origini come una miscela di stili diversi. Villa-Lobos fu il primo musicista brasiliano il cui lavoro combinò gli aspetti più raffinati della musica classica con tocchi e sapori distinti brasiliani, aprendo la strada per futuri compositori ‘brasilianisti’.

Nello stesso secolo, la musica popolare cominciò a guadagnare fan dagli strati più alti della società, trasformando uno o due ritmi in vere e proprie marche registrate brasiliane, in particolare il Samba, la Bossa Nova, il Tropicalismo e la Jovem Guarda. Allo stesso tempo, il Jazz e il Rock degli Stati Uniti stavano conquistando il mondo, e in Brasile non fu diverso, anche se non potevano fare a meno di essere influenzati dai suoni locali quando arrivarono qui. Musica folclorica tradizionale e regionale, come Sertaneja, Baião e Forró, così come il famoso Funk carioca, sono solo alcuni degli stili musicali che sono cresciuti sempre più di successo in tutto il Brasile nel corso del tempo.

Grazie all’insorgere di numerose scuole di musica, studi di registrazione, produttori di strumenti, orchestre e gruppi musicali, stazioni radio e TV e festival; tra gli altri elementi, la qualità e la quantità della musica brasiliana sono cresciute esponenzialmente, in modo che ora sia motivo di orgoglio per i brasiliani e oggetto di ammirazione e studio globale.

Tags:

brasile, brasiliano, cultura, musica

Condividete:

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.