Gastronomia

Cultura

Una opzione semplice e generalmente economica, che è anche una buona scelta per i vegetariani, sono i ristoranti a peso o a buffet. In questo tipo di ristorante, il cibo viene pagato in base al peso. Un altro stile tipico è il ristorante “tutto ciò che puoi mangiare”, dove i clienti pagano un prezzo fisso. In entrambi i tipi (conosciuti collettivamente come “self-service”), i clienti di solito compongono i piatti da un ampio buffet.

Preparati a godere di un’esperienza gastronomica unica con il rodízio, uno stile di servizio popolare in Brasile. In questo stile, si paga un prezzo fisso e i camerieri girano con una varietà invitante di cibo. Questo è particolarmente comune nelle churrascarias e pizzerie, offrendo barbecue e pizze di vari sapori a volontà. Ogni fetta viene servita con cura, garantendo che tu assapori ogni morso di questa delizia culinaria.

Il ristorante normale con un prezzo specifico per ogni pasto è chiamato “ristorante à la carte”.

Il cibo è una parte vibrante della cultura e dell’identità del Brasile, con il barbecue che occupa il centro del palcoscenico. Le churrascarias sono un punto caldo, e la tradizione di “grigliare un po’ di carne” a casa con i propri cari va oltre le condizioni climatiche, diventando un preferito tutto l’anno. Carne alla griglia e feijoada sono parti essenziali della cucina brasiliana, esibendo i loro sapori unici e l’eredità culinaria.

La connessione tra gli esseri umani e la carne è una storia antica quanto il tempo, risalente ai nostri antenati primitivi, quando la caccia era una questione di sopravvivenza. Il fascino per il sapore della carne e la semplicità della sua preparazione hanno portato al suo consumo diffuso. In Brasile, questa connessione primordiale si è evoluta in un marchio culturale, con la carne alla griglia che è diventata un simbolo della tradizione e dell’eredità locale.

Per i turisti che visitano il Brasile, indipendentemente dalla regione o dalla città, una visita a una churrascaria è obbligatoria, un’opportunità irresistibile per assaporare il gusto incomparabile e autentico del barbecue brasiliano.

VERDE: VOGLIO ALTRO. ROSSO: SONO SODDISFATTO.

Il modo in cui la carne viene servita in queste churrascarias, conosciuto come rodízio, funziona con il principio di “mangiare quanto vuoi” ed è tanto popolare tra gli stranieri quanto tra i brasiliani.

Ecco come funziona: il ristorante addebita un prezzo fisso a persona (bevande escluse), e puoi assaggiare tutti i tipi di carne – pollo, agnello, salsicce e una vasta gamma di tagli di carne bovina e suina – ripetendo quante volte vuoi. Tuttavia, al giorno d’oggi, il barbecue brasiliano non riguarda solo i tagli più tradizionali. In Brasile, alcune churrascarias offrono già alcune opzioni insolite nei loro menu. Queste carni sono ben accolte dai clienti più esigenti e avventurosi, come cinghiale, alligatore, rana, quaglia, coniglio e struzzo.

In una churrascaria, l’esperienza gastronomica è un tripudio per i sensi. Il sistema di rodízio è uno spettacolo, con i camerieri che girano intorno ai tavoli, ognuno portando un grande spiedo di carne sfrigolante. Ti presentano una varietà di opzioni e, proprio davanti a te, tagliano abilmente la carne dello spessore che preferisci, cucinandola esattamente come piace a te. È un’esperienza gastronomica personalizzata che soddisfa davvero i tuoi gusti.

Mentre mangi, c’è un’etichetta unica dei “segnali da tavola” – fatti di carta, legno o metallo, a seconda della creatività della churrascaria – che indicano il tuo appetito attraverso un semplice codice di colori: il segnale verde, che significa “Sì, per favore”, indica che i camerieri sono liberi di circolare al tavolo, continuando a offrire tutti i tipi di carne, finché non giri il segnale per mostrare il lato rosso, che significa “No, grazie”, indicando che sei soddisfatto per il momento. Oltre alla carne, le churrascarias offrono anche un buffet di insalate, e alcune vanno ancora più in là, aggiungendo piatti caldi, sushi, pesce, formaggi, salumi e altri contorni come patatine fritte, pão de queijo e pastéis.

Non solo il Brasile è conosciuto per il sapore e la qualità del suo caffè, ma si distingue anche per la produzione di alcune delle varietà di caffè più uniche ed esclusive al mondo, conferendo un gusto distintivo all’industria globale del caffè.

Da decenni, è stato acclamato come il re dei re. Ci sono molte modalità per preparare un caffè gustoso: con filtri, macchine da caffè elettriche e, più recentemente, macchine da caffè espresso domestiche che utilizzano capsule di caffè riempite con miscele e aromi specifici. Che sia fatto in casa o gustato in un caffè, bar o ristorante, il consenso è unanime: il caffè è eccellente, e se è brasiliano – data la sua qualità indiscutibile – è ancora più significativo.

Il caffè è un’istituzione in molte culture, con un consumo globale stimato in mezzo trilione di tazze al giorno. Il Brasile è stato il maggior produttore ed esportatore di caffè per oltre 100 anni, e la superficie combinata delle piantagioni nel paese è di circa 27.000 km². Secondo i dati sulla produzione riportati dall’Organizzazione Internazionale del Caffè, con sede a Londra, i principali produttori di caffè dopo il Brasile sono il Vietnam (sì, dopo il riso, il caffè è la stella vietnamita), Colombia, Indonesia, Etiopia, India, Honduras, Messico, Uganda e Guatemala.

Si prevede che la raccolta brasiliana di caffè supererà i 53 milioni di sacchi nel 2016, secondo l’Associazione Brasiliana dell’Industria del Caffè (ABIC). L’associazione prevede che il consumo solo in Brasile possa aumentare a 21,3 milioni di sacchi quest’anno, pari a circa 173 miliardi di tazze! Tuttavia, il volume di caffè tostato e macinato esportato è in diminuzione a causa di una legge brasiliana che vieta l’importazione di caffè verde da altri paesi.

Nel frattempo, nel 2015, l’azienda britannica Costa Coffee ha investito circa £ 40 milioni nella costruzione di un nuovo impianto di torrefazione a Basildon (Essex) per alleviare il carico del suo altro impianto di torrefazione a Lambeth (Sud di Londra), aperto oltre 30 anni fa. Con entrambi gli impianti che tostano chicchi, Costa Coffee produrrà impressionanti 56.000 tonnellate di caffè torrefatto all’anno, ma i chicchi di caffè non vengono utilizzati solo per preparare bevande calde. La caffeina estratta viene utilizzata anche in bevande gassate, prodotti farmaceutici e persino cosmetici. Nuove ricerche nel campo della salute e del benessere suggeriscono che il consumo giornaliero di caffè (tra tre e quattro tazze al giorno) possa effettivamente aiutare nella prevenzione di determinate malattie, come il diabete negli adulti, il cancro (colon, fegato e seno) e la malattia di Parkinson, per citarne solo alcune.

Caffè Esotici
Il caffè brasiliano presenta una varietà interessante: il Caffè Jacu Bird. Questi chicchi di caffè vengono consumati ed escreti dal Jacu, un uccello nativo della Mata Atlântica. Il Caffè Jacu Bird è costoso, quasi 20 volte il prezzo del caffè normale.

In Brasile, un melting pot definisce non solo le origini, ma anche il cibo.

Il cibo tradizionale del Brasile è una combinazione di molte diverse eredità culturali che si sono mescolate e hanno creato una cucina emozionante e unica. In origine, il cibo del Brasile è stato creato dai popoli indigeni nativi, che hanno fornito la maggior parte delle radici principali della gastronomia attuale del paese.

Quando i portoghesi colonizzarono il Brasile, la loro gastronomia si fuse armoniosamente con i piatti tradizionali indigeni. Successivamente, durante i tempi della schiavitù, gli africani portarono anche la loro gastronomia in Brasile, arricchendo ulteriormente la combinazione della cucina indigena e portoghese. Tuttavia, queste cucine non si fusero completamente; spesso coesistettero in una bella sinfonia culinaria.

Successivamente, arrivarono molti altri immigrati, tra cui libanesi, tedeschi, italiani, giapponesi, spagnoli e molti altri, aggiungendo i loro piatti alla gastronomia brasiliana. Così, la gastronomia attuale del Brasile è il risultato di una combinazione di culture e piatti di molte origini diverse.

Tags:

brasile, brasiliano, cultura, gastronomía

Condividete questo post:

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.